Vai su
Il fascino del borgo rurale – My Home Attitude- Home Staging – Annuncio-Casa.it
fade
4582
post-template-default,single,single-post,postid-4582,single-format-standard,eltd-core-1.1.1,flow-ver-1.3.6,,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-grid-1200,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-vertical,eltd-sticky-header-on-scroll-up,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default
barbara-sala-my-home-attitude-home-stager

Il fascino del borgo rurale – My Home Attitude- Home Staging

Davide sceglie questo borgo rurale silenzioso e tranquillo così isolato dal traffico urbano, così completamente immerso nel verde delle campagne milanesi, per la vita della sua famiglia e per fuggire dalla frenesia dei ritmi lavorativi imposti dalla caotica Milano, dove passa il maggior numero delle sue ore quotidiane.

Poi  le esigenze familiari gli impongono dei cambiamenti che richiedono spazi maggiori e così decide di mettere in vendita la sua casa. L’agente a cui si rivolge, gli propone una stima valutativa dell’immobile decisamente in linea con il mercato e lo fotografa per l’annuncio nella sua quotidianità di casa vissuta, non curandosi dell’abbondante presenza di oggetti personali di Davide e della sua famiglia.

 

Lo spazio è invaso da mobili, accessori e decori superflui per cui è impossibile capire ampiezza e la funzionalità della casa, mentre è possibile dedurre gusti ed abitudini, passioni e storie familiari dei suoi inquilini, che però non destano l’ interesse dei visitatori e ne influenzano negativamente l’opinione.

L’annuncio è perso nel calderone delle inserzioni di zona, non riscuote interesse, non attira chiamate, non produce visualizzazioni.  Pochissime le visite in loco, molte le obiezioni: la casa è piccola, è cara, è isolata, è buia, è sporca.
Ma dove metto il divano?
E l’armadio?
Dove ricevo gli ospiti?
Come faccio a godermi il camino?
E la luce?  Dove è la luce?
“.
Queste le frasi più frequentemente raccolte durante gli appuntamenti.

Dopo 7 mesi di insuccesso Davide decide di cambiare agenzia.

Sara, il nuovo mediatore, acquisisce l’immobile ma riferisce subito a Davide la necessità di agire con strategie più strutturate: gli parla di Home Staging.

 

Davide si fida, è curioso, è motivato e vuole vendere.

 

Mi chiama Sara, faccio una prima analisi attraverso l’osservazione delle fotografie scattate dall’agenzia precedente ed individuo immediatamente gli interventi necessari per rendere la casa più accogliente.  Il sopralluogo, poi, conferma le previsioni e mi permette di individuare immediatamente ciò che le foto disponibili non mostrano: le potenzialità di questa graziosa dimora.

 

L’analisi del territorio circostante ovvero la totale immersione nel parco agricolo, la distanza chilometrica dai comuni limitrofi e dai servizi più vicini, la struttura architettonica della palazzina e le attività agricole svolte nel circondario, mi permettono, invece, di capire a quale tipologia di mercato rivolgermi.

Al primo incontro Davide mi racconta la sua storia e le sue motivazioni.
Io, invece gli racconto cosa è l’Home Staging: è attento e curioso. Gli fornisco una dettagliata analisi delle criticità riscontrate e gli propongo delle soluzioni e tutte le operazioni a cui deve provvedere prima del mio intervento: lo trovo collaborativo.

 

La prima importante operazione è quella del decluttering.

Sebbene dispiaciuto, Davide  mostra fiducia e riesce a staccarsi facilmente dalle cose da eliminare: mobili, arredi, oggetti e tessili che fino ad allora avevano influenzato negativamente la percezione degli spazi.

 

Provvede a far imbiancare e pulire la casa, come richiesto, che si finalmente si svela nel suo massimo potenziale. Non resta che rendere questo potenziale più performante!

E’ il mio momento!

Penso ad un allestimento che non snaturi lo stile country della casa, tanto amato da Davide, e ben presente nelle finiture: travi in legno al soffitto, lampade in ferro e vetro, porte in legno, camino rustico, cucina in stile ed un bellissimo cotto al pavimento della zona giorno. Uno stile adatto al contesto rurale esterno in cui il trilocale è completamente immerso.

 

Decido di optare per elementi neutri con il solo compito di esaltare i pregi di questo trilocale dalla metratura modesta ma funzionale e pervaso da moltissima luce, soprattutto al piano superiore, nella zona notte.

 

E proprio la luce diventa protagonista indiscussa delle camere: ti accompagna silenziosa   in un’atmosfera dove ora è più facile immaginare di porre le basi per pianificare il domani.

Le finestre delle stanze si spalancano sulle suggestive viste della campagna milanese che le  riempiono di sole e colori.

 

E la cameretta? Caratterizzata da un volume strutturale che prima sembrava un inutile ingombro penalizzante e che ora, invece, si offre creativo ed opportuno, eccola pronta ad accoglierti per nuovi progetti di vita.

 

Il soggiorno grande e luminoso finalmente ti invita ad accomodarti, con il suo  camino pronto a scaldare le serate con gli amici o il gioco dei bambini mentre ti  immagini  ai fornelli di una cucina attrezzata finalmente mostrata nel suo intero splendore.

 

Trovo Davide basito ed incredulo, piacevolmente sorpreso e soddisfatto davanti all’intervento realizzato: quasi come se non riconoscesse più il suo nido prezioso ritrovando in esso una nuova energia e un desiderio inconscio di non volersene più staccare.
La sua reazione è quella che gli Home Stager chiamano ”effetto wow!”: lo avevo ottenuto!!

Ho fatto in modo che il servizio fotografico e la descrizione nell’annuncio trasmettessero di questa casa le informazioni più utili perché potessero attirare l’attenzione degli acquirenti più adatti e motivati.

 

La pubblicazione, infatti, ha mostrato fin da subito risultati molto soddisfacenti in termini di visualizzazioni, interesse, chiamate ma soprattutto visite in loco.

 

Il successo non si è fatto attendere ed in due mesi la casa di Davide è stata venduta, pronta ad accogliere i sogni e la storia di un nuovo padrone di casa.

Dopo l’Home staging

#IoSonoHomeStager e architetto ed il mio nome è Barbara Sala.

Mi occupo di progettazione e valorizzazione ormai da molti anni principalmente sul territorio milanese.

My Home Attitude è il nome con cui distinguo la mia attività di Home Staging da quella di progettazione pura. Questo perché l’Home Staging è prettamente uno strumento di marketing che è volto all’abbellimento degli ambienti al solo fine di renderli prodotti vendibili e non lascia spazio alla personalizzazione e alla soluzione delle esigenze di un singolo committente.

L’Home Stager è una difficile professione che necessita competenze che vanno ben oltre il design e la passione per la progettazione e per gli interni.

L’Home Staging è una  grande opportunità per aumentare il valore percepito degli immobili e, quindi, vendere prima e meglio,  offrendo molteplici vantaggi anche  al mediatore che si occupa della vendita. E’ molto efficace anche nella valorizzazione  delle case vacanze, dei B&B e/o per la locazione degli immobili destinati agli affitti brevi incrementandone le prenotazioni e le recensioni positive.

Sono tra le socie fondatrici di Home Staging ITALIA TM , una società di servizi di valorizzazione immobiliare, attiva su tutto il territorio nazionale.

Barbara Sala

Architetto – Home Stager

Barbara Sala - My Home Attitude Home Staging

 

Mail: barbarasala@myhomeattitude.it

Facebook: MyHomeAttitude

Houzz: MyHomeAttitude

Telefono: 392 2566612

Team Blog

"Non mi interessa scrivere per diletto ciò che altri per diletto leggerà. Mio obiettivo sono la vita e i problemi umani con tutti i loro inconvenienti e le loro difficoltà." --- > Francis Bacon (1561-1626), filosofo inglese.