Vai su
I “poteri” dell’home staging: vendere casa velocemente – Irene Auddino – Home ON Stage – Annuncio-Casa.it
fade
4822
post-template-default,single,single-post,postid-4822,single-format-standard,eltd-core-1.1.1,flow-ver-1.3.6,,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-grid-1200,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-vertical,eltd-sticky-header-on-scroll-up,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default
Irene Auddino - Home ON Stage

I “poteri” dell’home staging: vendere casa velocemente – Irene Auddino – Home ON Stage

Oggi il mercato immobiliare è davvero competitivo!

Sapete che ogni 10 case in vendita esistono in media solo 3 potenziali interessati?

 

Sono pochi, vero?

Soprattutto guardando al passato, in cui bastava posizionare la gru in nuovo cantiere o mettere il cartello “VENDESI” per attirare l’attenzione.

 

Oggi invece occorre avere visibilità, molta visibilità, per essere protagonisti in uno scenario tanto competitivo e riuscire a conquistare il podio.
Ecco perché bisogna sapersi distinguere e catturare l’interesse tramite una componente emotiva che solletichi l’interesse di chi è alla ricerca di una nuova casa.

 

Le case vuote, non abitate, spesso sono percepite come fredde, prive di appeal e, la maggior parte delle volte, il potenziale interessato in fase di visita non riesce a comprendere l’uso dello spazio.
Spesso può capitare che il visitatore, perplesso, si domandi: “ci staranno i miei mobili?” oppure “dove metto il divano?

 

Ed è proprio questo il motivo per cui è stato chiesto il mio intervento in questo bilocale in Torino.

Sapete che il cliente compra ciò che vede e non ciò che immagina?
Già, è proprio così.

 

E vale anche per questo bilocale, realizzato alla fine degli anni ’50 in un quartiere molto popoloso, con alcune parti allo stato originale e tanti lavoretti da programmare per renderlo attuale.

Oltre ad essere privo degli arredi, infatti, alcuni dettagli, come gli infissi obsoleti da sostituire, davano alla casa una percezione sbagliata delle sue potenzialità.

Così, ho programmato il mio sopralluogo e mi sono lasciata ispirare dalla casa per la mia proposta di allestimento. Le dimensioni della casa e le modifiche interne per la creazione della cabina armadio, risalente agli anni ’90, hanno contribuito a definire il target cui rivolgerci con la proposta di vendita: una coppia di giovani.

 

Per fortuna, su consiglio dell’agente immobiliare, le pareti erano già state imbiancate ed erano rimasti posizionati i mobili del cucinino. Insomma, c’erano tutti i presupposti per rendere attraenti questi 55 metri quadrati.

 

Il proprietario di casa ha accettato la mia proposta di intervento e il preventivo, comprensivo del noleggio del materiale previsto in allestimento per il periodo concordato e il servizio fotografico.

L’allestimento ha privilegiato l’uso di toni neutri, con qualche tocco monocromatico di giallo e di verde. L’idea alla base era tra i principi ispiratori dell’home staging: suggestionare con alcuni elementi di arredo, accessori e tessili coordinati tra loro l’uso dei vari ambienti, dando il giusto colore e calore all’intero appartamento.

Avendo valorizzato tutti i punti di forza dell’abitazione, i lavori utili per ammodernare la casa sono stati percepiti come trascurabili, secondari dai potenziali interessati. Anche la camera da letto che, prima dell’allestimento era vista come piccola, ha mostrato di essere un ambiente intimo ed accogliente, dimensionata per essere funzionale.

 

Sapete che una buona fotografia può fare la differenza in un annuncio immobiliare?

Una volta pubblicate le nuove fotografie, i contatti on line sono aumentati sensibilmente e, nonostante la concomitanza con le festività natalizie, la casa è stata oggetto di numerose visite… anche due al giorno.

La proposta di acquisto, accettata dal proprietario, è arrivata in soli 48 giorni dalla pubblicazione delle fotografie sui portali immobiliari.

Il proprietario, che sperimentava per la prima volta i “poteridell’home staging, è rimasto molto contento: la casa era sul mercato da oltre 22 mesi!

Anche l’agente immobiliare, che mi ha coinvolto in questa operazione di marketing, è soddisfatto: “questo immobile senza l’intervento di Home ON stage sarebbe rimasto solo uno tra tanti”.

 

Aver contribuito personalmente a centrare l’obiettivo con il giusto mix di conoscenze, competenze e professionalità, mi rende felice, così come mi rende felice aver dato vita ad “Home ON Stage”, il mio progetto dedicato alla valorizzazione immobiliare, che affianca la mia professione di ingegnere edile.

 

Irene Auddino – Home ON Stage – Torino

 

Irene Auddino - Home ON Stage

Irene Auddino - Home ON Stage

 

Sito: homeonstage.it
Mail: irene@homeonstage.it
Telefono: +39 3453291400
Facebook: @homeonstage.irene
Instagram: @homeonstage.irene

 

Team Blog

"Non mi interessa scrivere per diletto ciò che altri per diletto leggerà. Mio obiettivo sono la vita e i problemi umani con tutti i loro inconvenienti e le loro difficoltà." --- > Francis Bacon (1561-1626), filosofo inglese.