Vai su
Un loft nel cuore della Roma Industriale – In Auge Home Staging – Annuncio-Casa.it
fade
4344
post-template-default,single,single-post,postid-4344,single-format-standard,eltd-core-1.1.1,flow-ver-1.3.6,,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-grid-1200,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-vertical,eltd-sticky-header-on-scroll-up,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default
Progetto realizzato da In Auge Home Staging in collaborazione con Ilaria Mari

Un loft nel cuore della Roma Industriale – In Auge Home Staging

A chi serve l’home staging?

Le molteplici risposte che possiamo dare a questa domanda sono la conferma che l’home staging è una tecnica di marketing che si applica al prodotto “casa”.

SEMPRE!

Lo conferma questo progetto dove il servizio di home staging è stato commissionato da uno studio di architettura con l’obiettivo di realizzare il loro portfolio lavori.

Come ci si comporta di fronte a questa richiesta? Con lo stesso metodo che rende l’home staging efficace, in questo caso utilizzando le tecniche di home staging per “case abitate”! Vediamole insieme:

 

1. Sopralluogo della casa

Sopralluogo della casa abitata in questo caso, per valutare i punti di forza da valorizzare in vista del servizio fotografico e per individuare dove è necessario utilizzare tecniche di “decluttering” per spersonalizzare ambienti troppo carichi.

In queste immagini, fotografate con cavalletto e macchina professionale, possiamo valutare alcuni dei PRIMA.

 

 

2. Moodboard

Successivamente al sopralluogo si procede con uno schema di progetto, che noi home stager comunemente chiamiamo “Moodboard”.

In questo caso la moodboard è servita per trovare l’ispirazione necessaria a valorizzare arredi e complementi di arredo già presenti nella casa. Questa fase, spesso sottovalutata, è invece molto importante perché consiste in uno studio dello stile che valorizza al meglio la casa.

La capacità di ri-adattare arredi e complementi di arredo già presenti consente di tenere il budget basso. Ecco perché questa fase, anche se può richiedere diversi giorni di studio (dipende dalla grandezza degli immobili), è la chiave del successo di un home staging basato sul metodo!

 

la moodboard è servita per trovare l’ispirazione
3. Magazzino di beni e complementi di arredo

Sebbene ogni Home Stager abbia un proprio fornito magazzino di beni e complementi di arredo ogni progetto prevederà l’inserimento di oggetti specifici che potrebbero non essere disponibili in quel momento perché allestiti altrove.

In questo caso è stato necessario prelevare dei cuscini dal magazzino, delle piante, spugne da bagno e tessili da letto ed acquistare delle succose mele verdi per realizzare il setting fotografico delle foto che avevamo in mente!

4. Il giorno dell’appuntamento

Il giorno dell’appuntamento ci siamo presentate, ci siamo prese un buon caffe con i proprietari ed abbiamo iniziato togliendo tutti gli oggetti personali dei proprietari quindi abbiamo allestito tutti gli ambienti ed abbiamo iniziato a fotografare prima gli ambienti e poi i dettagli che avrebbero dato risalto a quella casa.

 

Servizio fotografico finale

 

Credits: Progetto e allestimento di Home staging curato da In Auge home staging
Fotografie in collaborazione con Ilaria Mari Home Stager

 

In Auge Home Staging in collaborazione con Ilaria Mari Home Stager

 

Account IG: In_Auge_Home_Staging
Pagina FB: In Auge Home Staging
Sito web: www.inaugehomestaging.it
Contatti: info@inaugehomestaging.it

Team Blog

"Non mi interessa scrivere per diletto ciò che altri per diletto leggerà. Mio obiettivo sono la vita e i problemi umani con tutti i loro inconvenienti e le loro difficoltà." --- > Francis Bacon (1561-1626), filosofo inglese.